Leopolda 2013: Cronaca di un viaggio


Leopolda 2013: Diamo un nome al futuro. Quest’anno la kermesse organizzata da Matteo Renzi è giunta alla sua quarta edizione: tre giorni dedicati ad approfondimenti, confronti, idee e progetti per disegnare il futuro del Paese. Questa è stata la mia prima Leopolda. Come tutte le cose belle, è finita troppo presto. E’ stata stancante, fino all’ultimo giorno ho temuto di non partecipare, stavo poco bene, ma ho rischiato e sono stato ampiamente premiato.
Provare a descrivere la Leopolda è qualcosa di quasi impossibile. La Leopolda è esperienza: va vissuta liberamente; è passione, partecipazione. Ognuno raggiunge Firenze, libero da preconcetti, libero dalla distinzione Destra-Sinistra. Ed è per questo che le bandiere del PD sono assenti: nessuna dipendenza da un Partito, solo libertà, voglia di partecipare e di raccontarsi. Il problema, come ha affermato Matteo Renzi “è che mancano le croci sul simbolo del PD alle elezioni, non il fatto che non ci siano bandiere sul palco”.
Girando per la stazione, le facce raccontano sensazioni che sono un mix di stupore per chi, come me, è la prima volta che partecipa, e di soddisfazione per chi è già veterano ma ogni volta è come se fosse la prima.
Quest’anno si comincia di venerdì: cento tavoli, in cui gruppi di 10-12 persone discuteranno di varie tematiche, dal lavoro all’economia, dall’ambiente all’immigrazione, tutti moderati da un amministratore locale o da un parlamentare.
Il Sabato si prosegue con il format collaudato nelle scorse edizioni: una parola chiave, 4 minuti di intervento. Sul palco si sono visti giovani, disoccupati, manager, donne preoccupate per la loro futura maternità: ognuno ha portato il proprio mondo, fatto di quotidianità e di problemi, ma anche di speranze e di progetti. Tante persone così diverse tra loro, ma accomunate dalla voglia di costruire insieme il proprio futuro, che si sono scoperti uguali nelle loro diversità.

Accanto a persone comuni, si sono intervallati gli interventi di personalità del mondo politico e imprenditoriale: Gugliemo Epifani (attuale Segretario del PD), Andrea Guerra (Amministratore Delegato di Luxottica) e Brunello Cucinelli (Imprenditore dell’omonima ditta di abbigliamento) e tanti altri. Anche loro, seppur da punti di vista molto differenti, hanno provato a dare la loro visione di futuro, le loro vicissitudini si sono fuse con quelle dello studente portando ad un confronto democratico tra i partecipanti.
Si sono visti molti politici: il Sindaco di Bari Emiliano, Stefano Lepri, Anna Paola Concia, David Sassoli, Dario Franceschini e Piero Fassino per citarne alcuni. Non tutti accumunati dall’essere “renziani”, ma stupiti per un meeting veramente insolito ed innovativo nel panorama italiano. Qualcuno ha provato ad essere presente per “salire sul carro”, per dire “io c’ero, sono dei tuoi”, ma la Leopolda è democrazia, si è tutti uguali e tutti si deve lottare e faticare per raggiungere il traguardo comune.
Nella giornata di domenica sono proseguiti gli interventi liberi e tra gli altri vale la pena ricordare Pif, mattatore delle Iene che ha riflettuto e fatto riflettere sulla mafia e sul modo di sconfiggerla, del Ministro Graziano Del Rio, dello scrittore Alessandro Baricco. Le due sale si sono riempite in fretta, tanta era la voglia di partecipare, di far parte del popolodella Leopolda.
Infine, l’intervento di MatteoRenzi. La parola scelta da Matteo è “stupore”: stupore per le tante persone che anche quest’anno sono accorse da tutta Italia per incontrarsi, salutarsi, confrontarsi in clima di gioia. Stupore nel vedere che tante persone credono nella politica, e non nell’anti-politica, come risposta alle cattive abitudini presenti nel Paese. Il Sindaco di Firenze ha presentato quattro punti da verificare alla prossima Leopolda, come patto nel caso vincesse la corsa alla segreteria (e magari anche quella alla premiership): Italia, Europa, lavoro ed educazione. Ogni punto prevede un’iniziativa da proporre al Parlamento ed all’Europa: si va dalla riforma della giustizia alla revisione dei parametri europei, passando per la redazione di un nuovo codice del lavoro a maggiori investimenti per scuola e ricerca. Quattro punti per cambiare la società italiana e dare non solo un nome, ma anche  concretezza al futuro.
Ed è così che questo viaggio di tre giorni si è concluso. Ognuno è tornato al proprio Paese, felice di essere stato in buona compagnia, tutti dandosi appuntamento al prossimo anno, con la certezza che, anche se ormai veterani, lo stupore sarà lo stesso della prima volta.
Avete presente le tante feste di quartiere che si organizzano nelle grandi città? Bene, la Leopolda è un po’ come queste. Solo che quel quartiere è un po’ più grande e si chiama Italia.

Alex Bernardi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...