Abbiamo lasciato: piazze vuote, urne vuote

Probabilmente siamo di fronte al periodo di più basso contenuto politico di sempre. Cerchiamo di capire il perché. Continua a leggere Abbiamo lasciato: piazze vuote, urne vuote

Annunci

Nella giungla dei sondaggi

“Avete sentito il sondaggio che hanno fatto stamattina? Eh, non li devono fare questi sondaggi… è un sondaggio fatto con le ragazze dai venti ai trent’anni e hanno domandato: ‘Fareste l’amore con Berlusconi? Col Presidente, anzi?’. Il 33% ha risposto ‘sì’, il 67% ha risposto ‘Ancora?!’”. Tanto tempo (politico) sembra passato da quella barzelletta di Berlusconi – uno che sui sondaggi non ha mai soltanto … Continua a leggere Nella giungla dei sondaggi

Il giro del mondo in 8 notizie #18

Cari lettori, eccoci come di consueto alla nostra rassegna bisettimanale, alla scoperta oggi del ruolo dell’Austria nella partita domino europea, di mappe del neonazismo negli USA, di Olimpiadi dei limiti umani, ipotetiche guerre con la Corea del Nord e variazioni su Shakespeare. E molto altro ancora, naturalmente. Buona lettura! Quick et nunc L’articolo di Carl Henrik Fredriksson su Transit ci porta a riconsiderare la storia e situazione … Continua a leggere Il giro del mondo in 8 notizie #18

Cchiù pilu pe’ tutti e altre promesse elettorali: ovvero perché i politici promettono ciò che promettono

Le elezioni sono alle porte e, con loro, tutta una serie di promesse elettorali più o meno realizzabili vista la situazione economico/finanziaria del Bel Paese. Ma cosa spinge i partiti politici a promettere determinate cose? Vi è dietro un’ideologia politica o un progetto per il rilancio del paese? Forse no. Da molti anni ormai, gli studiosi che hanno cercato di dare un senso e di … Continua a leggere Cchiù pilu pe’ tutti e altre promesse elettorali: ovvero perché i politici promettono ciò che promettono

statua comfort women seuol

Le prostitute dell’esercito giapponese: il dramma delle “comfort women” che da 70 anni divide Tokyo e Seoul

Migliaia di donne e bambine coreane sono state rapite per essere sfruttate come “comfort women” per l’esercito giapponese durante la Seconda Guerra Mondiale. Ancora oggi non c’è giustizia. Continua a leggere Le prostitute dell’esercito giapponese: il dramma delle “comfort women” che da 70 anni divide Tokyo e Seoul