Generazioni in lotta

La scorsa settimana alla Luiss è stato presentato il Rapporto 2017 sul divario generazionale, studio condotto dalla fondazione Visentini che misura le differenze socio-economiche delle varie generazioni. Il rapporto è, di fatto, una fotografia di quello che anche su scala globale rappresenta un problema per l’economia. La generazione dei Baby-Boomers ha a disposizione una ricchezza e un benessere che non è sostenibile e che le … Continua a leggere Generazioni in lotta

Erre come Resistenza: la lotta delle donne afghane per la pace

Sono le donne di RAWA, ma in ambienti non protetti è meglio chiamarle con una singola lettera: le “Erre”. L’acronimo RAWA (Revolutionary Association of the Women of Afghanistan) evoca infatti lotte incessanti, parole che profumano di democrazia, costanti richieste di un diritto alla pace. In Afghanistan, tutto questo è considerato come un nefasto influsso occidentale, da debellarsi al più presto, per rendere il Paese un … Continua a leggere Erre come Resistenza: la lotta delle donne afghane per la pace

racial profiling

Il racial profiling ha già fallito, ma negli States è ancora la prassi

Negli Stati Uniti una persona di colore ha molte più probabilità di essere controllato, fermato o arrestato dalla polizia solo in virtù del colore della propria pelle. Si tratta di una pratica, il racial profiling, che esiste anche in Europa, e ha già dimostrato il suo fallimento in termini di sicurezza. Continua a leggere Il racial profiling ha già fallito, ma negli States è ancora la prassi

SXSW, quando il Texas non è solo manzi e pistole

Eccoci qua. Un atterraggio a Houston con conseguente perdita parziale dei bagagli, due giorni a fare avanti e indietro dal G. W. Bush Airport per recuperarli, qualche centinaio di chilometri su una macchina che urla U.S.A.! da ogni bullone e finalmente, superando il ponte sul fiume Colorado, parcheggiamo all’ultimo piano di un enorme parcheggio da cui si gode una vista onnicomprensiva del centro città della … Continua a leggere SXSW, quando il Texas non è solo manzi e pistole