Cos’ha detto la BCE sul coronavirus e perché la borsa è crollata

Christine Lagarde, presidente della Banca Centrale Europea, ha appena parlato alla stampa.


Quali sono gli effetti economici del coronavirus

Le conseguenze negative per le economia sono due:

  1. uno shock negativo nell’offerta: date le restrizioni, molte aziende producono meno, con effetti moltiplicativi nella catena del valore
  2. uno shock negativo nella domanda: date le restrizioni nei movimenti, le persone comprano meno

La politica fiscale

Lagarde ha chiamato tutte le istituzioni europee a porre in essere politiche tempestive e mirate per contenere il contagio e limitare l’impatto negativo nella società e per l’economia.

Lagarde ha anche detto, più volte, che i Governi Europei devono agire ora e insieme, con una politica fiscale AMBIZIOSA e COORDINATA per sostenere le imprese.

Sarà quindi fondamentale capire cosa decideranno le istituzioni europee su questo punto, se sospendere o allentare i parametri che regolano la spesa pubblica.


Cosa cambia per la politica monetaria

Gli obiettivi delle banche centrali sono:

  • controllare l’inflazione
  • limitare la disoccupazione
  • garantire la stabilità del sistema del credito

Per quanto riguarda i primi due punti, Lagarde conferma il momento di estrema incertezza, data da una contrazione nella domanda e un livello alto nell’incertezza economica, unita a shock nella produzione, e la recente forte instabilità nei prezzi del petrolio.

I tassi degli interessi rimarranno invariati, fino a che il tasso di inflazione non raggiunge il 2%.

Verranno estesi tre programmi, che esistono già: LTROs, TLRTO III e ulteriori acquisti di asset, in modo da assicurarsi che le banche abbiano liquidità sufficiente. Questo sia per evitare propagazione di rischio intra sistema bancario, sia per facilitare le condizioni delle banche specificamente in modo da garantire credito alle imprese.

Allora perché le borse crollano?

Dopo l’annuncio della Lagarde, le borse hanno iniziato a scendere e in questo momento Piazza Affari fa registrare uno storico -17%. Le ragioni vanno cercate nello scivolone comunicativo e strategico della presidente BCE che ha sostanzialmente detto – salvo successiva parziale rettifica in una intervista a CNBC – che l’istituzione non è disposta a fare molto per fermare l’aumento dello spread che si sta verificando in queste ore. Insomma, una scarsa fermezza che non è piaciuta per niente ai mercati, che cozza con l’ormai famoso whatever it takes di Draghi a seguito della crisi del debito sovrano.

89736681_2419766751457669_5241313543822770176_n
Fonte: Twitter

In conclusione, la BCE cerca di creare le condizioni per cui le banche possano continuare a prestare alle aziende in un periodo di grande incertezza, e chiama i Governi per una politica fiscale comune in questo momento. Tuttavia, ci ricorderemo di questo discorso solo per la caduta comunicativa che ha generato enorme incertezza nei mercati finanziari.

Giacomo Romanini

Copertina: Christine Lagarde (Reuters)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...