Viitorul Costanta, la squadra del Futuro

Eddai, lo sappiamo. E’ il sogno di tutti. Avere una squadra di calcio, possedere un team e decidere contemporaneamente come farlo giocare. Essere contemporaneamente allenatore e presidente, scegliere i giocatori da comprare e decidere come metterli in campo. Un giocatore ti sta antipatico? No problem, fuori rosa e presto venduto. Vuoi un giocatore a tutti i costi? Investi tutti i soldi che possiedi ed accontenta il tuo allenatore, che alla fine sei sempre tu. Fino a questo momento Football Manager è l’unico modo, per i comuni mortali, di esaudire questo sogno distopico e bipolare.

Ma per chi non è un comune mortale? Per chi incarna nella sua figura l’intera gloria calcistica di una nazione? Gheorghe Hagi, per la Romania, è questo. Ed incarna anche il sogno dei fantaallenatori di tutto il mondo: ha fondato una squadra e la allena. Il problema che questo giochino di ricchi magnati si è trasformato in un sogno dorato: il Viitorul, questo il nome della squadra, ha vinto il campionato, qualificandosi così per la Champions League.

gheorghe-hagi_ct.jpg

E’ il 2009 quando Ovidiu, improvvisamente, diventa una città importante sulle mappe del calcio rumeno. Il centro di poco più di tredicimila abitanti viene infatti scelto come sede del Viitorul Costanta, neonata squadra di calcio che acquisisce il titolo sportivo dal team locale e debutta il III Liga. Il presidente è Gheorghe Hagi, stella più luminosa del calcio rumeno, dalla carriera travagliata e forse anche per questo ancor più importante. Diventa la stella della Steaua Bucarest che arriva in finale di Coppa Campioni, passa al Real Madrid, poi al Brescia che retrocede e viene promosso con lui in campo. Proprio le prestazioni con le Rondinelle gli valgono la chiamata del Barcellona. Al Galatasaray poi Hagi conquista una Coppa UEFA ed una Supercoppa Europea.

hagi-romania.jpg

Appena comunicata la decisione di ritirarsi dal calcio giocato, gli viene offerta la panchina della Nazionale Rumena. Comincia così un lungo giro che porterà Hagi ad allenare in varie squadre, tornando anche un paio di volte al Gala. Ma sempre più spesso ha dissidi con la dirigenza, incapace, a suo dire, di accontentarlo.

E così Hagi decide di diventare allenatore della squadra che già possiede e sovvenziona, il Viitorul, appunto. Ma la squadra in realtà è nata con un intento più nobile di crearsi un regno. Viitorul, in rumeno, significa futuro. La volontà primigenia di Gheorghe è di far crescere giovani calciatori rumeni per lanciarli nel calcio che conta, nazionale e magari anche europeo. E’ il caso di Ianis, classe 1998, che di cognome fa Hagi. Il figlio di Gheorghe, dopo le giovanili nel Viitorul, è passato alla Fiorentina, dove quest’anno lo aspetta una stagione da comprimario.

ianis-hagi

Le altre squadre rumene infatti si barcamenano economicamente per sopravvivere, in una politica fatta di successo istantaneo o fallimento su tutta la linea. Per farlo, comprano giocatori dall’estero. Hagi ha invertito la rotta, facendo crescere con calma i giovani per rendere nuovamente importante la Nazionale. E lo sta facendo, vincendo.

nintchdbpict000323513490

Già, perchè nel 2009 il Viitorul si trovava nel terzo campionato rumeno, ed alla fine della stagione 16/17 ha sollevato il primo scudetto della sua storia, qualificandosi per la Champions League. L’anno prima era arrivato un quinto posto, condito da passaggio in Europa League. Una crescita costante, che ha portato molti giocatori in pianta stabile in Under 21 ed alcuni anche ad esordire in nazionale maggiore. E’ il caso di Bogdan Tiru, vicecapitano, classe 1994, o Dragos Nedelcu, annata 1997.

Insomma, Hagi ha deciso di mettere la sua conoscenza (ed i suoi soldi) non per il proprio divertimento personale o per un Football Manager nella vita reale, ma per far rinascere il movimento calcistico rumeno dalle basi: dai giovani. Voi fareste lo stesso?

Marco Pasquariello

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...