Ada Colau, “Alcaldessa” di Barcellona

Il documentario vincitore del premio Best Direction al festival del cinema di Malaga del 2016, Alcaldessa, racconta e testimonia la campagna elettorale della candidata sindaca Ada Colau a Barcellona, attivista dei movimenti per la casa (la PAH, Plataforma de Afectados por la Hipoteca, le vittime dei mutui) e ora prima cittadina della metropoli catalana.

Il tempo del racconto è il presente, nessun elemento del film anticipa il risultato delle elezioni catalane, consegnando una testimonianza incredibile di attivismo, impegno e fatica. Alcaldessa è concentrato sulla figura di Ada Colau, ma durante la campagna elettorale il personalismo non nasconde mai il lavoro di squadra indispensabile per il risultato raggiunto. Nei dieci mesi che precedono le elezioni, la candidata sindaca si mostra al pubblico, svelando ogni lato della sua personalità. Madre, militante e poi candidata, il personaggio evolve con il passare dei minuti. Dapprima ruvida ed energica attivista il suo carattere necessariamente acquisisce tratti più istituzionali e accomodanti, mantenendo tuttavia intatta l’immagine non compromessa di sé. La fatica e la frustrazione che si accumulano vengono infine acquetate dalla consapevolezza che fiorisce negli ultimi attimi di campagna elettorale.

Meravigliosi i momenti di video-diario in cui Ada, in solitaria, si libera delle preoccupazioni e degli stati d’animo contrastanti che via via prendono forma. Determinazione, stanchezza, frustrazione ed euforia si mescolano in un modo che non sarebbe stato possibile senza la formula del confessionale. Emergono tutti gli aspetti della donna, pubblici e privati, emerge la consapevolezza del proprio obiettivo e dei propri mezzi.

Oltre alla figura della “sindaca” trovano spazio anche l’idea di città che la candidatura di Ada Colau esprime e i problemi del nuovo millennio. In una società per certi versi simile alla nostra, la povertà, l’indigenza e l’esclusione di migliaia di cittadini dai servizi essenziali rappresentano un problema di grande attualità, non solo nella penisola iberica, ma in tutto il mondo. L’esempio di Barcellona è benaugurante sia per il suo esito favorevole, sia perché ha mostrato come una maggiore attenzione verso questi problemi di carattere sociale deve e può essere prioritaria. Demonizzata come estremista all’inizio del percorso, Ada Colau ha realizzato il primo punto imponendo a tutti di parlare di diritti essenziali e accesso ai servizi fondamentali. A quel punto l’elettorato ha scelto chi in questi messaggi credeva davvero, come spesso accade.

Diretto da Pau Faus, il documentario Alcaldessa è divertente e mai noioso. Un documento di rara utilità e una lezione per tutti. Si può parlare di problemi seri, si può parlare di povertà e marginalità, si possono mettere al centro poveri ed emarginati e, così facendo, si può diventare “alcaldesa” di una metropoli come Barcellona.

Luca Sandrini
@LucaSandrini8

Alcaldessa Mondovisioni
Fonte immagine in evidenza: Blog.rtve.es

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...