In Nigeria la nudità diventa strumento di protesta politica


Questo articolo è pubblicato in inglese su Africa Is A Country, fondato da Sean Jacobs nel 2009, sito di opinioni e analisi sui paesi del contintente africano. The Bottom Up propone in esclusiva alcuni dei loro lavori, tradotti in italiano.
Questo articolo è scritto da Funmilayo Obasa, studentessa di storia e studi internazionali dell’Università di Ilorin (Nigeria). Traduzione di Aditideep Prakash.

Le donne del Kaduna meridionale hanno recentemente marciato, vestite e non, per chiedere la fine di brutali violenze. Improvvisamente, le usanze che circondavano la repressione del corpo delle donne non importavano più.

Le comunità della regione meridionale di Kaduna – nel Middle Belt, in Nigeria – per tempo si sono scontrate con i banditi, che, secondo quanto riferito, solo quest’anno hanno ucciso più di 178 persone. Il 23 luglio, un gruppo di donne vestite di nero, solenni e infuriate, hanno accompagnato diverse donne più anziane che, senza vestiti, marciavano nella città di Samaru Kataf, invocando la fine di questi attacchi implacabili.

Il giorno della protesta, queste donne hanno raccontato al quotidiano ThisDay: “I nostri mariti, figli e parenti vengono massacrati come arieti ogni giorno e il governo sta solo a guardare. Le nostre vite non contano per questo governo“. L’ultima frase è il cardine del discorso, un vecchio ritornello comune tra la maggior parte dei nigeriani.

In una lezione di storia al liceo, ho appreso della Guerra delle Donne del 1929, una protesta “nuda” contro il dominio coloniale. L’anno scorso ho letto When Women Go Naked di Pat Obi. Simile alla Guerra delle Donne, evidenzia il patriarcato nell’Igboland e il modo in cui le donne si sono radunate e spogliate per protestare contro le politiche oppressive del capo della comunità. La recente ribellione delle donne nel Kaduna meridionale ha riportato la mia attenzione su questa controversa tattica di protesta.

La pratica di protestare nude ebbe inizio nell’Africa pre-coloniale. Mentre possiamo raccogliere esempi dalla Guerra delle Donne in Nigeria, dalla protesta Thuku del Kenya, dalla protesta a seno nudo del Sud Africa e dalla minaccia del 2002 delle donne del Niger-Delta, la protesta nel sud di Kaduna dice una cosa: i corpi delle donne sono potenti, e possono essere usati per esigere giustizia e rafforzare l’integrità fisica. Per secoli, madri e nonne (le sentinelle della rettitudine sociale) hanno usato la nudità per maledire i delinquenti. I loro corpi possedevano il potere di donare e togliere la vita ogni volta che lo ritenevano opportuno. Titilope Ajayi scrive che più sono anziane le donne che protestano senza vestiti, “più forte è il senso di paura e riverenza”. La tribuna spirituale della nudità contribuisce ancora al suo impatto come mezzo che le donne usano per fare giustizia, punire i trasgressori con maledizioni invisibili ed esercitare il potere che è stato a loro negato dalla società.

La nudità è spesso usata come ultima risorsa. Come scrivono Fallon e Moreau: “Usare la nudità per far vergognare coloro che commettono atti di violenza è l’ultima risorsa per far capire agli spettatori che le donne non tollereranno più certi comportamenti…”, sfruttando così la sua capacità di far provare vergogna. Le donne nel Kaduna meridionale, quindi, erano arrivate al limite. I loro corpi si sono trasformati in armi. Improvvisamente, i costumi e le usanze legati alla repressione del corpo delle donne non avevano più importanza. E, in quel momento, i ruoli tradizionali di queste donne si sono trasformati da quelli di membri superflui della comunità a suoi protettori. Le donne non provavano più vergogna per la loro nudità: piuttosto gli offensori si vergognavano per aver fallito nei loro intenti.

La società ci insegna a vedere le proteste di nudo come umilianti, immorali e primitive. A causa della proliferazione di religioni estranee in Africa, il corpo della donna è stato così politicizzato, così sessualizzato e santificato che non appartiene più alla donna, quanto piuttosto all’uomo. Sia l’islam che il cristianesimo considerano il corpo della donna come un santuario per Dio e per il marito. Pertanto, annullano il diritto delle donne all’integrità fisica.

Tuttavia, solo le donne potevano decidere di protestare nude. In questa decisione, risiede la realizzazione della loro autonomia fisica. In una società in cui l’abuso sessuale e la cultura dello stupro sono diffusi, nessuno poteva impediire un simile gesto. L’autrice Sisonke Msimang ha scritto che la protesta a seno nudo delle donne a Grahamstown, in Sud Africa, “insisteva affinché la società sudafricana le guardasse e le ascoltasse piuttosto che limitarsi a fissare i loro corpi”. La protesta nel Kaduna meridionale è simbolica perché tenta di eliminare le pretese, le molestie ai corpi delle donne da parte degli uomini e l’ingiustizia perpetrata da un governo immobile. La disperazione ha portato a nuove forme di richieste, che forse sproneranno un governo indifferente ad agire.

Le donne del Kaduna meridionale, come il resto delle loro controparti, comprendono la potenza dei loro corpi come strumenti di giustizia e liberazione. In una società sessualmente repressa come la nostra, queste proteste sono tra le più importanti, l’ultima risorsa per le donne quando altri mezzi hanno fallito.

Funmilayo Obasa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...