salute carcere

Ammalarsi di carcere

L’assistenza sanitaria all’interno degli oltre 200 istituti di pena italiani continua ad essere un nervo scoperto. L’offerta di prestazioni è spesso discontinua ed insufficiente, sia per qualità, che per quantità, e l’accesso alle cure mediche è subordinato all’esigenza di rispettare le macchinose norme “di sicurezza” che regolano la vita carceraria.

Negli anni, gli interventi legislativi si sono mossi nella direzione di riconoscere la necessità di garantire un’adeguata assistenza medica ai detenuti, equiparandone i diritti a quelli delle persone libere (per ricostruzioni dettagliate sulle principali tappe di riforma della sanità penitenziaria, si veda gli approfondimenti messi a disposizione da Ristretti Orizzonti). Non si tratta di buonismo, ma di rispetto di diritti costituzionalmente tutelati, tra cui quello alla salute (art.32). In tal senso, la svolta decisiva sarebbe dovuta arrivare con il passaggio delle competenze sanitarie dal Ministero della Giustizia al Ministero della Salute, avvenuto, non senza intoppi, tra il 2008 e il 2010.

La presa in carico da parte di ASL e Regioni avrebbe dovuto ribadire la priorità assoluta data alla salvaguardia del benessere e della dignità umana, ma ha generato in realtà grosse disparità territoriali, dovute in egual misura ai continui tagli, alle resistenze dell’Amministrazione penitenziaria e alla mancanza di una seria programmazione degli interventi. Ad oggi, si tratta di un processo rimasto sostanzialmente incompleto. Giusto per dare un’idea della “salute diseguale” goduta in carcere, basti considerare questo aspetto: nell’era della digitalizzazione dei dati, non tutti gli istituti dispongono di cartelle cliniche informatizzate, da cui deriva il rischio che vengano perse informazioni essenziali sulla condizione psico-fisica del paziente detenuto, banalmente anche nel corso di un trasferimento da sezione a sezione. La stessa raccolta ed elaborazione di informazioni cliniche è difforme, lasciata alla sensibilità delle singole amministrazioni carcerarie.

Un problema culturale

Il problema è senz’altro culturale, oltre che amministrativo. Sebbene l’art. 27 della Costituzione italiana stabilisca che “le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e che devono tendere alla rieducazione del condannato” – affermazione, certo, che solleva non poche problematiche -, si fatica ancora molto a sganciarsi da una concezione di pena meramente punitiva.

Nell’immaginario comune, solo una sanzione che risponda a logiche retributive spietate può restituire giustizia allo strappo tra il reo e la società. Questo giustificherebbe, quindi, il silenzio istituzionale attraverso cui passano tutta la serie di pene accessorie che aggravano la condizione di privazione della libertà personale, non previste da regolamenti, leggi, né tantomeno dalle linee guida europee e internazionali.

Lungi dal voler fare apologia della devianza o una trattazione organica di diritto penale, nel parlare di tutela alla salute in prigione non è possibile prescindere dal considerare le disfunzionalità del sistema carcerario, che rimane un luogo altamente patogeno, tanto che in Italia il tasso di recidiva nazionale, stimato intorno al 68%, rimane uno dei più alti al mondo, con elevati costi sociali ed economici. Il comparto sanitario, a cui vengono destinate risorse insufficienti – un imbarazzante 8,5% in cui convergono tutte le spese sostenute per i detenuti -, è inesorabilmente fagocitato da questioni più urgenti.

Chi finisce davvero in carcere?

Per esempio, lo spettro del sovraffollamento. Meno reati, più detenuti: tra questi, il 34,2% sconta condanne per reati legati alla droga. Simile la percentuale di detenuti stranieri presenti, molti dei quali “irregolari” e sotto custodia cautelare. Il risalto mediatico e politico concesso al senso di insicurezza percepito sta mettendo a dura prova la tenuta del nostro sistema penale. Il panico generalizzato concede forza ad iniziative politiche repressive e selettive, che credono di poter far fronte ai complessi mutamenti sociali accanendosi contro i segmenti più fragili della società: poveri, immigrati, tossicodipendenti/piccoli spacciatori. Le stesse fasce sociali che tendenzialmente commettono reati minori, ma su cui si concentra lo stigma del controllo.

affollamentoprerapp

Dopo i benefici seguiti alla sentenza Torreggiani, emessa dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo nel 2013, i numeri tornano nuovamente a salire: 56.919 persone recluse al 30 giugno 2017, di cui 19.432 stranieri, secondo i dati forniti dal Dap (qui è possibile consultare la serie storica dei dati dei detenuti presenti per sesso, posizione giuridica e nazionalità, anni 1991-2017). Paradossale, considerato il calo sensibile di reati gravi come la violenza sessuale o l’omicidio registrato dall’associazione Antigone. Sovraffollamento significa minor spazio, minori risorse e condizioni di vita peggiori, ben al di sotto degli standard minimi stabiliti: in breve, una grave compressione del diritto ad un trattamento individualizzato. Basta dare un’occhiata ai report stilati dall’Osservatorio sulle condizioni di detenzione per rendersi conto che strutture fatiscenti, carenza di spazi di socialità e condizioni igieniche precarie sono più comuni di quanto si pensi. Secondo l’European Prison Observatory, non tutte le celle delle prigioni italiane dispongono di una doccia, come da regolamento, e l’acqua calda non è sempre disponibile. In molti istituti c’è carenza di beni di prima necessità come carta igienica, shampoo o dentifricio.

Ammalarsi di carcere

Un enorme sfiatatoio del disagio umano, un girone infernale che funge da “discarica umana”, dove le esigenze e le complicate biografie degli ospiti richiederebbero personale altamente qualificato e protocolli operativi standard. Invece, il numero degli operatori, esclusi coloro che sono adibiti alla sicurezza, continua ad essere fortemente sottostimato, fatto gravissimo laddove c’è estremo bisogno di interventi mirati.

Ad esempio, l’elevata presenza di detenuti con problemi di tossicodipendenza deve essere affrontata dando vita a percorsi trattamentali e di rinforzo psicologico specifici, pensati in un’ottica riabilitativa, possibilmente in regime alternativo. Com’è noto, l’abuso di psicofarmaci sostitutivi (e di metadone) è un fenomeno tristemente comune tra le mura di una cella. Ugualmente, malattie infettive e sessualmente trasmissibili come HIV, epatite e tubercolosi necessitano di monitoraggi costanti e interventi preventivi, come la distribuzione di profilattici e la possibilità di eseguire screening periodici.

Chiaramente, le condizioni di vita nell’ambiente carcerario non sono pensate per farsi carico di malattia, anzianità ed esigenze particolari (maternità, disabilità, LGBTQ). Le conseguenze, fisiche e psicologiche, sono drammatiche: secondo il dossier Morire di carcere, tra le 55 persone decedute in carcere al 30 giugno 2017, 23 sono morti suicide. Il fenomeno coinvolge anche il personale, in particolare gli agenti di polizia penitenziaria: cinque solo quest’anno. In crescita gli episodi di autolesionismo, soprattutto tra la popolazione straniera: secondo gli Osservatori di Antigone, si tratterrebbe dell’“ultima, residuale forma di reclamo da parte di un universo di disperati che, nella gran parte dei casi, non possiede molte altre alternative per far sentire la propria presenza.”

L’insorgenza di disturbi psichici rimane elevata, e trattare di ex O.P.G., ora R.E.M.S., meriterebbe uno spazio tutto suo. Rimane il fatto che il diritto alla salute in carcere è un diritto azzoppato, che sconta le resistenze mentali e la lentezza normativa incapace di superare una concezione di carcere ghettizzante, unicamente contenitivo, ben lontano dallo sforzo rieducativo di cui dovrebbe farsi carico. 

Martina Facincani

[Tutte le fotografie sono tratte dal sito web dell’associazione Antigone]

Per approfondimenti:

Torna il carcere, XIII Rapporto sulle condizioni di detenzione di Antigone

Ristretti Orizzonti, giornale della casa di Reclusione di Padova e dell’Istituto Femminile della Giudecca

Dap (Dipartimento Amministrazione Penitenziaria)

Rapporto sullo stato dei diritti in Italia

Insidecarceri, web-doc inchieste sulle prigioni italiane

http://www.stopopg.it/

Stati Generali dell’Esecuzione Penale: https://www.giustizia.it/giustizia/it/mg_2_19.wp

Annunci

Un pensiero su “Ammalarsi di carcere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...