Il ritorno di Elio e le Storie Tese

Elio e le Storie Tese sono il miglior gruppo italiano attualmente (e con “attualmente” intendo “negli ultimi 20 anni”) in circolazione. Pochi hanno saputo interpretare le contraddizioni dell’Italia contemporanea, del mondo giovanile, politico e musicale dei nostri tempi come loro. Inoltre, pochi hanno saputo creare un tessuto sonoro variegato e interessante come il loro, che prende spunto dalla musica pop di tutto il mondo, per creare un proprio stile, riconoscibile come pochi altri.

Con queste premesse, il loro primo disco da 5 anni ha suscitato in me un febbrile entusiasmo, alimentato dalla partecipazione devastante della band milanese a Sanremo 2013, dove ha conquistato solo il secondo posto, intascandosi però tutti i premi della critica, grazie a La Canzone Mononota, divertissement virtuosistico da un lato e perfetta canzone pop dall’altro. Il febbrile entusiasmo è stato anche alimentato dal fenomenale singolo Complesso del Primo Maggio, raffinata ma affilatissima presa in giro degli stereotipi del Concertone del Primo Maggio (quello di Piazza San Giovanni a Roma), stereotipi peraltro presenti al Concertone di quest’anno, a cui gli Elii hanno partecipato. 

Il 7 maggio, vivaddio, è uscito il disco, L’Album Biango, citazione (spero di non doverlo spiegare a troppi di voi) dei Beatles, e io ho l’ho comprato (sì, compro i dischi, non li scarico e trovo deplorevole ma comprensibile farlo). Il disco parte grosso, con i due pezzi sanremesi, Dannati Forever e la già citata La Canzone Mononota. Bene, bravi, bis. Il pezzo successivo, che si apre con gli stessi adolescenti di Elio Samaga Hukapan Kariyama Turu a colloquio, che si preparano a entrare in sala prove, nella nostalgica Il Ritmo della Sala Prove. Un pezzo, come detto, nostalgico, ma che non lascia il segno. Resto perplesso. Il pezzo successivo, introdotto dalle esilaranti Lettere dal www, è probabilmente il più aggressivo e divertente dell’album: è già stato presentato nel tour 2012 della band e si intitola Enlarge (Your Penis), rimando agli slogan di certe e-mail di spam o di certi annunci su determinati siti (e chi vuole intendere, intenda). La perplessità svanisce.
Il pezzo successivo, Lampo, dalla descrizione del booklet, parte da un’ottima premessa: l’odio verso i fotografi compulsivi di celebrità e musicisti prima, durante e dopo i concerti, che “rompono le palle” agli Elii (ma anche a me, e, sono certo, anche ad alcuni di voi). Il brano, però, purtroppo, è mediocre: di certo nulla di nuovo sotto il Sole, almeno non sotto il Sole creativo degli Elii. Sono di nuovo perplesso. La perplessità continua sul pezzo successivo, Luigi il Pugilista, che vuole aggiungere un personaggio surreale alla lunga galleria degli Elii, della quale fanno parte Gimmi Ilpedofilo, El Pube, Supergiovane, e tanti altri. La canzone, però, è irrimediabilmente deludente (oltre che dolorosamente lunga). Ulteriore perplessità insorge durante Una Sera con gli Amici, facilmente dimenticabile. Inutile la parodia di Modugno in Amore Amorissimo, che ha un po’ il problema di Lampo, ovvero parte da una buona premessa, ma non arriva al punto. Con l’intro di Il Tutor di Nerone l’ormai sopraggiunta noia viene meno per un attimo, e in realtà il brano risulta piacevole, per quanto comunque abbastanza scialbo dal punto di vista musicale.
Poi arrivano gli Area.
E uno dice: “ah.”
Perché gli Area sono gli Area. Nonostante siano relegati a due minuti e mezzo di tempo, sono semplicemente sfolgoranti. Il pezzo è nello stile Area più simile al free jazz, ed è sostanzialmente un’improvvisazione delle loro. Che bellezza.
Segue il pezzo Come gli Area, che però non è “come gli Area”: al massimo, è “come Gioia e Rivoluzione degli Area”. Intendiamoci, “Come gli Area” è davvero un bel pezzo, tra i migliori del disco e all’altezza dei migliori in assoluto degli Elii: ma gli Area sono un’altra cosa. Gli Area sperimentano, gli Area esplorano, come Elio stesso dice nella canzone. Gli Elii, in Come gli Area, no. Peccato, un’occasione sprecata per un gruppo che ha di sicuro le capacità per suonare come gli Area.
Dopo un’introduzione dell’amico degli Area Eugenio Finardi, A Piazza San Giovanni, ecco il capolavoro assoluto del disco: Complesso del Primo Maggio, che contiene probabilmente il verso definitivo di Elio e le Storie Tese, se non addirittura della musica pop italiana:
Certo ne avrei senz’altro tutta un’altra opinione
se fossi un balcanico, se fossi un balcone
ma siccome non sono croato né un balcone balcano 

io non capisco perché tutti quanti continuano insistentemente a suonare questa musica di merda”.
Nulla da aggiungere al riguardo.
La canzone prende allegramente (un’allegria tipica di Elio e le Storie Tese) in giro gli stereotipi del Concertone del Primo Maggio: il gruppo che fa musica di ispirazione balcanica, il gruppo del meridione, il gruppo folk che “valorizza il territorio”, ma soprattutto l’”invettiva ai danni del capitalismo”. Una meraviglia.
Come ben sapete, molti (tutti?) dischi di Elio e le Storie Tese si concludono con una ghost track: questo non fa eccezione, quindi chi vuole riservarsi la sorpresa salti le prossime due/tre righe.
Dopo qualche minuto di silenzio, Neri Marcorè spiega agli Elii come, secondo lui, La Canzone Mononota sarebbe venuta meglio. Segue una versione di 6/7 minuti della Canzone con solo voce e grancassa in 4/4, ovviamente esilarante. Il disco finisce dopo una versione strumentale di Come gli Area.

L’Album Biangoha lo stesso difetto del suo antenato Beatlesiano (The Beatles, conosciuto ai più come “White Album”), oltre che patire altrettanto il confronto con il predecessore. Il disco, infatti, è una raccolta di canzoni piuttosto variegate tra loro, senza un filo conduttore preciso, dalla qualità altalenante. Alcune davvero fantastiche, altre meno, altre sulla cui inclusione nel disco ci si potrebbe interrogare a lungo. In realtà, questo è stato un po’ il difetto di tutti i dischi degli Elii della fase post-Feiez (quella iniziata con Criccraccriccrecr), escluso l’immenso capolavoro Studentessi, vero e proprio Sgt. Pepper’sdegli Elii, che è appunto il predecessore del Biango

Il giudizio resta positivo, non lo si può certo definire un brutto disco, specie se comparato al resto del panorama musicale italiano (rendiamoci conto che Emma Marrone è in testa alle classifiche da settimane), ma da Elio e le Storie Tese mi aspetto decisamente qualcosa di più di questo. Pochi giorni dopo l’uscita dell’album, Fabio Zuffanti, musicista e scrittore prog, ha commentato con delle parole quanto mai adatte il lavoro degli Elii sulla sua pagina facebook:
Quello che non capisco è: avete come mito Zappa? Avete visto Zappa cosa ha fatto nella sua carriera? Pezzi demenziali, opere, suites, sinfonie, jazz, contemporanea, cabaret, improvvisazione e mille altre cose. Come mai un gruppo della caratura di EELST, con la tecnica e l’inventiva che si ritrovano, non osano MAI fare un pezzo strumentale, un qualcosa di non sempre e solo demenziale, di più ampio respiro (un concept album, una suite) o con maggiore sperimentazione? Anche loro alla fine incatenati all’italiota refrain “se nasci in mutande muori in mutante, guai a mettere un calzino!”? Ai posteri l’ardua sentenza.”
Ora, se è vero che in Studentessil’aria che Zuffanti suggerisce agli Elii di respirare si poteva sentire, in un qualche modo, Biangoda questo punto di vista è stato un passo indietro.
Conoscendo Elio e le Storie Tese, però, non si può mai sapere cosa riserva il futuro.

Gugliemo De Monte
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...