I mondiali della musica in 4 video (NSFW)

Non avrei mai pensato di scrivere qualcosa sui mondiali di pedata (il nome che più propriamente spetterebbe al calcio) o, meglio, non avrei mai pensato di appiattirmi sul trending topic di queste tre settimane di sport qualsiasi altra cosa slegata dal pallone. C’è da dire che, complice l’eliminazione precoce e scriteriata dell’Italia dalla competizione, nel frattempo si è parlato d’altro – non ultima quell’esperienza unica che è stato il furto della pagina (non ufficiale, duole precisare) fb del Papa con tanto di appelli alla jihad estrinsecati in formule tipo “like for islam, comment for 72 vergini“. Ebbene, questo pauroso down nell’opinione pubblica italiana fa sì che TBU abbia il dovere di cavalcare quest’onda calante prima che quel grande orinatoio eterodiretto che è quella romantica invenzione settecentesca chiamata opinione pubblica sia invasa dall’imminente sconfitta del Brasile e conseguente Maracanaço 2.0 – con tanto di teorie, per una volta scientifiche, del complotto riguardo Neymar.

Ho deciso, in omaggio ai migliori e più classici metodi di surrealtà (la stessa praticata con commovente abnegazione in questo video virale da arbitri e giocatrici di due nazionali di pallacanestro femminile under) di informarmi su quali squadre dovessero disputare le semifinali della coppa del mondo, aprire Vimeo, che è una comunità rispettosa e che ha sdoganato l’uso dello sfuocato anni orsono, inserire come query “german band” “brazilian band” eccetera, pescare il primo risultato utile che fosse il più vicino nel tempo (al massimo 1 anno fa) e vedere che roba avevo tirato su. Scopo ultimo: passarmi la serata e decretare il vincitore della coppa del mondo di calcio 2014 in Brasile.
(ciao SEO, you could’nt see me!)

SEMIFINALE #1
BRASILE – GERMANIA

Sapevo in partenza che scegliendo Vimeo come campo di battaglia, avrei trovato cose cool, giovani e/o belle da vedere. Nel caso del Brasile è stato sicuramente così. Questo video è una serie di inquadrature statiche della vita quotidianamente anonima di qualche città carioca, alternate a close-ups presi direttamente da instagram, come caffè che scende nella tazzina o una tizia che si spazzola i denti. La riuscita di questo video consiste nel fatto che è abbinato a un pezzo strumentale drum machine, basso fuzz, chitarre e tastiere tutte piuttosto inquietanti, di quell’inquietante tipo poliziesco anni 2000.

(Doppietta in mezza rovesciata per due volte su calcio d’angolo)


//player.vimeo.com/video/52895576
Sobre a Máquina – OITO from Betina Monteiro on Vimeo.


Non sarà facile per la Germania superare la prova di questo Brasile sicuramente non imbattibile, altresì assolutamente in forma. Ma i teutonici non si sono fatti trovare impreparati e anzi sono andati a combattere l’avversario nel territorio che tradizionalmente gli spetta: la fica! Praticamente ci troviamo di fronte a una cosa che sembra un lunghissimo (ben oltre la resistenza ormonale dello spettatore maschio medio) spot di lingerie come se ne vedono da anni in tivù. E una brevissima ricerca a posteriori ce lo conferma: musica e immagini vanno a comporre proprio una pubblicità televisiva in una versione da 40 secondi. Purtroppo qua la faccenda ne dura quasi 5, di minuti: senza una narrativa che sia una (a parte l’idea bizzarra di farsi la doccia senza togliersi la biancheria prima) ma con un’unica idea di gioco ben chiara e ben eseguita: quintali di fica. Tuttavia, dopo uno smarrimento iniziale, la rimonta dei tedeschi si ferma prima del 90′, a causa dell’impari confronto sul terreno della musica: i brasiliani hanno quel quarto di nobiltà nel sangue che consente loro di superare per classe i crucchi senza possibilità di appello.


(spettacolare palla all’incrocio dei pali da fuori area, ma terribili lacune difensive. Finisce 2-1)

//player.vimeo.com/video/72255156
Music video – Forced Movement from Marc Collins on Vimeo.

SEMIFINALE #2
ARGENTINA OLANDA


Un altro scontro fra titani del gioco. Gli argentini dimostrano da subito di non avere paura e si affidano un pezzo elettronico di facile consumo ma curato, impreziosito da pazzi vocalizzi degni di un Freddie Mercury. Il video blancoceleste scorre senza paura lisergico e allegro come in quella puntata dei Simpson. Dal tiqui taca diretti verso al tiki tiki. Una pacata ma festante voglia di ballare consente all’Argentina di maturare un vantaggio che per quanto meritato non sembra del tutto inscalfibile.

(bagarre in area piccola e, dopo una respinta del portiere, la palla scivola dove i difensori non possono più intercettarla)

//player.vimeo.com/video/66243908?title=0&byline=0&portrait=0&color=00ffb6
Tiki Tiki – Poncho from Plenty on Vimeo.

I tifosi olandesi non nutrono troppe speranze, dopo il meritato vantaggio alla ripresa conquistato dall’Argentina. Ma non bisogna mai sottovalutare il cuore dei campioni e, nonostante nel nordeuropa capitalista e protestante la classe e l’allegria nel gioco non siano di casa, i tulipani cacciano fuori una reazione rocciosa e inaspettata: la buttano sulla violenza! Gioco pericoloso, gamba tesa, una voglia invincibile di rivalsa animano la rimonta arancione. Un punkettino spiritato accompagna un video veramente delirante e che lascia veramente poco all’immaginazione. Una folle narrativa a base di no pussy blues che riprende uno dei classici dell’infanzia di tutti noi , vede delle improbabili e tarantiniane Charlie’s Angels mutanti, dotate di una sessualità archetipica e straripante, salvare ancora una volta la giornata grazie a capezzoli che nascondono mitragliette spara-proiettili. Nel gran finale del video ci si gioca persino la carta freudiana della riduzione a neonato perverso polimorfo del lupo cattivo iniziale. E’ un K.O. tecnico.

(da un recupero difensivo nasce un’azione concitata e inarrestabile: spazzata via la difesa, il portiere non può nulla nell’uno contro uno in area: è pareggio. I tempi supplementari si disputano con un’Argentina allo sbando che si difende fino all’ultimo, quando su rigore gli olandesi sanciscono l’accesso alla finale!)

//player.vimeo.com/video/98203125

Orgaanklap – Ik mis je // music videoclip from Staas Kirligitsis on Vimeo.


Non c’è polpo Paul che tenga, la finale della coppa del mondo sarà Brasile – Olanda, niente come la cultura musicale di un paese è specchio di come gioca a pallone. Sarà meglio per gli olandesi organizzarsi meglio per affrontare la schiacciasassi padrona di casa. 
Ma questa è una storia che, nella remota ipotesi che se ne sentisse il bisogno, vi racconterò nel weekend.


Filippo Batisti
@disorderlinesss

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...