Cosa fa l’ONU per i bambini violati dai “suoi” Caschi blu?

Leggo ONU e penso ad un organizzazione sovranazionale, vagamente USA-centrica, indipendente. Se sono ottimista, magari penso anche all’attività che svolge da oltre mezzo secolo nella risoluzione dei conflitti e per il mantenimento della pace. Da pessimista osservo che, nel 2015, … Continua a leggere Cosa fa l’ONU per i bambini violati dai “suoi” Caschi blu?

Siria: l’innocente generazione perduta

“Il messaggio di uomini come Nelson Mandela o Martin Luther King è un messaggio di speranza, speranza che le società moderne sappiano superare i conflitti attraverso una comprensione reciproca e una pazienza vigile. Per riuscirci occorre basarsi sui diritti; e la violazione di questi, non importa per mano di chi, deve provocare la nostra indignazione. Su questi diritti non si transige.” (Stéphane Hessel, “Indignez-vous!”) La situazione siriana occupa, in questi giorni, le prime pagine dei giornali di tutto il mondo: insieme alle minacce, ai dibattiti e alle esercitazioni belliche si è spostato sulla regione anche l’occhio di bue dei media. … Continua a leggere Siria: l’innocente generazione perduta

Il dramma silenzioso dei bambini soldato

I bambini costretti a vivere in qualsiasi situazione di conflitto sono vittime di innumerevoli forme di violenza, concreta e psicologica: l’associazione tra bambini e guerra è qualcosa di mefistofelico caratterizzato da sfumature che vanno rendere particolarmente complesso l’argomento. La tutela dei minori sembra essere uno dei pochi temi sui quali tutti gli stati parte delle Nazioni Unite siano d’accordo. L’azione dell’Unicef, l’agenzia ONU dedicata a questo argomento, è trasversale e di riconosciuta importanza; nel 1989 è stata promulgata una Convenzione sui diritti dell’infanzia, integrata da due protocolli aggiuntivi concernenti l’uno il coinvolgimento dei minori nei conflitti armati, l’altro la lotta … Continua a leggere Il dramma silenzioso dei bambini soldato