Catarsi progressiva: Pale Communion, Opeth (2014)

Quanti di voi conoscono gli Opeth? Non molti, temo. Ebbene, per l’ennesima puntata di “Guglielmo ci tedia con gruppi che conosce solo lui” (e non dite che non l’avete già pensato), in questo articolo vi parlerò degli Opeth, formazione svedese che suona delle cose che sfuggono a una catalogazione precisa. In breve, sono passati dal death metalal progressive rock. In lungo, è un po’ più difficile di così. Già dal primo album, Orchid, del 1995, si intuiva la voglia di fare qualcosa di diverso dal tappeto di doppio pedale, chitarroni intrecciati e growl(per i meno scafati, il growl, termine che … Continua a leggere Catarsi progressiva: Pale Communion, Opeth (2014)

Steven Wilson, Cover Version (2014)

Se non sapete chi è Steven Wilson, è ora che vi documentiate. Mente geniale del nuovo progressive e stakanovista dell’arte musicale, ha creato i Porcupine Tree (dei quali è anche cantante, chitarrista e spesso tastierista), quartetto progressive, ha co-fondato i Blackfield, pop rock malinconico al limite del patetismo deprimente, No-Man e Storm Corrosion, rispettivamente art-pop con Tim Bowness e progressive ambient con Mikael Akerfeldt degli Opeth, ha creato l’Incredible Expanding Mindfuck e Bass Communion, entrambi progetti di musica elettronica, più acerbo il primo, più atmosferico e maturo il secondo, ha partecipato alla produzione di diversi dischi degli Opeth, formazione progressive … Continua a leggere Steven Wilson, Cover Version (2014)