Three Movements, pt. 3 – La sospirata conclusione estetico-musicale

THREE MOVEMENTS, III – un viaggio che per motivi di ordine pubblico ho diviso in tre, ma che andrebbe letto nel modo più circoscritto possibile.   I discorsi della settimana passata mi hanno portato alla mente altre questioni sulle quali vorrò soffermarmi. Come si può fedelmente descrivere tramite le arti una persona (Zidane/Montaigne) o un oggetto (la Sainte-Victoire)? In che rapporto sono il tempo entro … Continua a leggere Three Movements, pt. 3 – La sospirata conclusione estetico-musicale

Three Movements, pt. 2 – il sermone onto-estetico-musicale

THREE MOVEMENTS, II– un viaggio che per motivi di decenza ho dovuto dividere in tre parti, ma che andrebbe letto nel modo più fluido possibile. Cos’abbiamo imparato la volta scorsa?  Niente, a quanto pare, visto che siamo di nuovo qui. A parte questo, abbiamo visto come si può descrivere (o descrivere secondo l’arte, cioè ritrarre) una persona (Zidane, nel caso di persona altra o, nel … Continua a leggere Three Movements, pt. 2 – il sermone onto-estetico-musicale

Three Movements, pt. 1, il pippone onto-estetico-musicale

THREE MOVEMENTS, I – un viaggio che per motivi di decenza ho dovuto dividere in tre parti, ma che andrebbe letto nel modo più continuo possibile.  Se tutto fosse andato per il verso giusto, (wow, sarebbe un gran incipit per qualsiasi cosa, tipo un libro di John Fante così come un tweet di Gianni Riotta) la settimana scorsa avreste dovuto beccarvi una amorevole guida per temi … Continua a leggere Three Movements, pt. 1, il pippone onto-estetico-musicale