Gaza – Effetti collaterali di un conflitto senza fine

Martedì 26 agosto 2014 è stata annunciata al Cairo la tregua conclusiva dell’operazione militare “Bordo protettivo” che ha posto nuovamente la parola fine al, ricorrente, conflitto mediorientale che vede come attori la Striscia di Gaza e le milizie di Hamas da una parte e lo Stato Israeliano con il suo esercito dall’altra.  Il conflitto, che ha determinato la morte di 2131 palestinesi, di cui 500 bambini secondo le agenzie ONU e un centinaio di soldati israeliani, si è oramai concluso, o perlomeno così sembra. Le ostilità persistono e con esse le difficoltà per i gazawi di ricominciare a costruirsi una … Continua a leggere Gaza – Effetti collaterali di un conflitto senza fine

L’Esercito Israeliano è più #social di te: guerra e nuovi media

Questo è un pazzo mondo – e lo è per davvero, dovremmo ringraziare Dio o qualche allineamento geopolitico per il fatto che il nostro paese è, almeno macroscopicamente, esente da guerre e devastazioni da settant’anni. E’ un mondo così pazzo che, come nei migliori sogni bagnati degli scrittori della seconda metà del Novecento, i militari di uno dei paesi più militarizzati del pianeta hanno più followers, condivisioni e likes di tutte le band in cui hai suonato e in cui potrai mai suonare nell’arco di tre o quattro vite.    Sto parlando delle Israel Defense Forces, che sono l’esercito (principalmente … Continua a leggere L’Esercito Israeliano è più #social di te: guerra e nuovi media

Cosa fa l’Europa mentre si stanno ridefinendo gli assetti globali?

Alcune giornate sono autentici punti di rottura nella storia dell’umanità, spostano il corso degli eventi da un’ipotetica linea A ad una linea B, cambiando il destino di milioni di vite. Il 17 luglio 2014 rischia di essere una di quelle giornate. In particolare, ci sono stati tre eventi che potranno avere enormi ripercussioni. Nel tardo pomeriggio italiano un aereo di linea malese è stato abbattuto da un missile terra-aria mentre sorvolava l’Ucraina e i suoi 298 passeggeri hanno perso la vita. Il razzo è partito dal confine ucraino-russo e fa parte degli ordigni in dotazione dei separatisti filo-russi, che ricevono armi e aiuti … Continua a leggere Cosa fa l’Europa mentre si stanno ridefinendo gli assetti globali?

Uno spettro si aggira per la Siria… anzi due! (pt. 1)

Questo è il primo episodio di una serie di articoli che ci porteranno dietro le quinte dello scacchiere mediorientale. I successivi capitoli saranno pubblicati nel corso delle prossime settimane! – TBU Durante la Seconda guerra mondiale, nel periodo che intercorse tra l’invasione della Polonia e la campagna di Francia, ci fu una pausa nei combattimenti tra le diverse super potenze dell’epoca (il Regno Unito, la Germania e per l’appunto la Francia). Questo momento di sostanziale rilassatezza tra i belligeranti venne in seguito etichettato dagli storiografi d’Oltralpe come drôle de guerre e cioè la “guerra strana”. Quella che si svolge in … Continua a leggere Uno spettro si aggira per la Siria… anzi due! (pt. 1)