La maschera della sinistra riformista

Sabato 30 maggio mi trovavo a Trento per il festival dell’economia. Non essendo esattamente un fine conoscitore della materia, appena ho notato nel programma l’intervista di Lilli Gruber al presidente del consiglio Matteo Renzi e al primo ministro francese Manuel Valls, mi ci sono fiondato immediatamente, per sfuggire a incomprensibili modelli e statistiche. Si è parlato di tutto ciò che concerne l’attualità politica europea, italiana, e in minima parte, transalpina. Argomento tabù le elezioni regionali che incombevano. Insomma, in parole povere, è stata un’edizione dal vivo e prolungata di “otto e mezzo”, il programma di approfondimento quotidiano condotto dalla Gruber … Continua a leggere La maschera della sinistra riformista

In Turchia ha vinto la democrazia

Non è un’esagerazione definire queste elezioni politiche turche come un avvenimento storico. L’Akp, il partito guidato saldamente da più di un decennio dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha perso, per la prima volta, la maggioranza assoluta dei seggi in Parlamento. Storico è anche il risultato del partito curdo Hdp, guidato del giovane leader Selahattin Demirtaş, che ha superato per la prima volta la soglia di sbarramento e con il suo 13% porta in parlamento 78-80 deputati. Completa il quadro dell’opposizione il 25% del partito kemalista Chp e il 16% del nazionalista Mhp. Il 41% di preferenze ottenute dal partito … Continua a leggere In Turchia ha vinto la democrazia

Cristina Battocletti, "La mantella del diavolo" (2015)

Cividale del Friuli(Cividât/Sividât/Zividât in friulano, Čedad in sloveno, e – se proprio vogliamo – Forum Iulii in latino) è un’antica cittadina romana e poi longobarda, adagiata in quella specie di prua di territorio italiano che dal Friuli si protende verso la Slovenia. Di Cividale (oltre alla nostra Angela) è Irma Saldutti, studentessa friulana trapiantata a Bologna a studiare legge. La incontriamo tornata a casa per il funerale del suo migliore amico, grande amore mai sbocciato e quasi fratello maggiore, Alfredo. Dal suo funerale sembrano dipanarsi ragnatele di mistero, che in breve avvolgono tutta la cittadina con una serie di delitti … Continua a leggere Cristina Battocletti, "La mantella del diavolo" (2015)

Il re è nudo!

Voglio fare una “sensata esperienza“, per dirla come avrebbe fatto Galilei, e farvi una proposta: se vi dessi venti euro per dire davanti ad una telecamera quel che voglio io per un paio di minuti lo fareste? Nulla di che, vorrei vedervi dire che gli immigrati e i clandestini vanno accolti a braccia aperte da ogni italiano. Sono certo che a me direste di no. Tuttavia mi pare di capire che ci sia qualcun altro che invece un’offerta del genere non solo l’accetterebbe ma l’abbia già accettata varie volte. Mi riferisco, chiaramente, al personaggio che davanti le telecamere di Mediaset affermava di essere un rom rivenditore di … Continua a leggere Il re è nudo!

La realtà è incostituzionale o la costituzione non è reale?

Come in molti sanno, di recente la corte costituzionale ha emesso una sentenza che boccia il blocco dell’adeguamento all’inflazione delle pensioni dai 1443 euro netti al mese in su, inserito nel pacchetto “Salva Italia” dal governo Monti nel 2011. L’impatto sui conti pubblici della restituzione totale della somma dovuto da parte dello stato è stato inizialmente stimato in un buco di bilancio tra i 13 e i 19 miliardi, poco compatibile con la disciplina fiscale impostaci dall’Unione Europea. Nei giorni scorsi il Presidente del Consiglio Matteo Renzi e i suoi collaboratori hanno cercato la soluzione più giusta e più sostenibile possibile … Continua a leggere La realtà è incostituzionale o la costituzione non è reale?

Johan Harstad, "Che ne è stato di te, Buzz Aldrin?" (2005) Iperborea, mon amour

Leggere è un po’ come andare in aereo: si sente la partenza, poi generalmente c’è una lunga fase di stasi, magari funestata da qualche turbolenza, ma mai niente di grave, e infine si atterra e tanti saluti. Di solito i libri sono così: partono, stanno un po’ su e poi atterrano; aprono, cambiano aria e poi richiudono. Descrivono sempre una specie di curva, che torna poi ad adagiarsi sull’asse da cui è partita (attenzione, però: non sto dicendo che tornano al punto di partenza). All’inizio di un giallo di Agatha Christie la situazione è tranquilla, e alla fine pure. Certo, … Continua a leggere Johan Harstad, "Che ne è stato di te, Buzz Aldrin?" (2005) Iperborea, mon amour

Omosessuali in Medio Oriente, tra stragi più e meno mediatiche

Il 17 maggio viene celebrata la «Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia». A vent’anni dalla rimozione dell’omosessualità dalla lista delle malattie mentali pubblicata dall’Organizzazione mondiale della sanità, il 17 maggio 2005 Louis-George Tin, attivista e ricercatore francese, curatore del Dictionnaire de l’homophobie (PUF, Parigi 2003), propone di proclamare una Giornata internazionale e fonda l’International Day Against Homophobia, Biphobia and Transphobia. Il 26 aprile 2007, una risoluzione del parlamento dell’Unione Europea riconosce ufficialmente la giornata internazionale e invita tutti gli Stati membri a promuovere leggi antidiscriminatorie e a condannare i discorsi discriminatori che alimentano odio e violenza nei … Continua a leggere Omosessuali in Medio Oriente, tra stragi più e meno mediatiche

The Bottonomics – La #BuonaScuola che non si applica

Parlare di un argomento caldo a mente fredda non è di sicuro facile e proprio per questo la redazione del vostro amatissimo The Bottom Up  ha deciso di affidare un commento alla riforma della ‘Buona Scuola’ a Bottomeconomics: non tanto per qualità personali degli autori ma perché, essendo una rubrica di economia, non se la fila nessuno e la figura barbina rimarrà isolata a pochi e coraggiosi lettori. Al di là delle nostre subdole strategie di marketing, una pertinenza tra questa nuova Campagna Renziana e l’economia è presente, eccome. Prima di tutto è interessante ricordare un dato molto importante e … Continua a leggere The Bottonomics – La #BuonaScuola che non si applica

A ciascuno il suo: l’UE fissa le quote per l’accoglienza dei migranti

L’ennesima strage di migranti e il crescente numero di morti in mare sembra aver risvegliato l’Europa. Mentre, finalmente, l’immigrazione è entrata nel dibattito pubblico, l’Unione si mostra unita e determinata. Almeno questa è l’idea che emerge dalla nuova agenda sull’immigrazione … Continua a leggere A ciascuno il suo: l’UE fissa le quote per l’accoglienza dei migranti