Dante quasi mille anni dopo: un’intervista in neovolgare a Feudalesimo e Libertà

Conoscete tutti quel partito politico, nato e cresciuto nell’Internet, facente capo ad un unico, incontestabile, individuo? No, non quel… Colpa mia, troppo vago. Ricominciamo. Conoscete tutti quel manipolo di ragazzi sardi che gira l’Italia in abiti brancaleoneschi per promuovere il ritorno al modello politico feudale, e che dalla pagina Facebook proclama la volontà dell’Imperatore? Bravi, i ragazzi di Feudalesimo e Libertà. Li abbiamo incontrati qualche tempo fa allo Svilupparty a Bologna, dove si trovavano per presentare La Divina Commedia quasi mille anni dopo, scritto per volontà dell’Imperatore e illustrato da Don Alemanno. Dopo averci inflitto cento nerbate poiché nessun plebeo può … Continua a leggere Dante quasi mille anni dopo: un’intervista in neovolgare a Feudalesimo e Libertà

Bene ma non benissimo: i feat.Esserlà e titolo del quarto di secolo

Era tanto che non recensivo un disco nuovo. Cioè, era tanto che non recensivo una COSA nuova. Non troppo nuova, comunque, ma abbastanza nuova. Qualche sera fa sono stato a un mini festival prog organizzato da una specie di taverna nella profonda provincia di Treviso, a Zero Branco. Dico “mini” perché la dimensione della faccenda era ridotta: ma in realtà era una superbomba. L’headliner era Fabio Zuffanti con la sua ZBand(e io trovo meraviglioso che suonassero a Zero Branco), una specie di eminenza grigia (dico “una specie” perché in realtà tra gli esperti del campo è piuttosto conosciuto, ma dato … Continua a leggere Bene ma non benissimo: i feat.Esserlà e titolo del quarto di secolo

Movimenti "No Gender": chi sono, cosa fanno, cosa vogliono?

Credevamo finiti i tempi delle crociate. I movimenti “no gender”, o genderfobici, stanno portando avanti una nuova crociata morale, alimentata da una vera e propria fobia collettiva, deliberatamente propagandistica e manipolatoria, che ha come obiettivo di diffondere false credenze sulla presunta pericolosità “dell’educazione al gender”. Quando nel 2012, nel discorso alla Curia Romana per gli auguri di Natale, Benedetto XVI afferma la “profonda erroneità” della nozione di gender, in quanto negazione della natura dell’essere umano e della volontà divina, fa un gesto chiaro e politicamente incisivo avviando, di fatto, la mobilitazione anti-gender. Il suo intervento risponde in effetti alla proposta di legge francese che prevede l’apertura del … Continua a leggere Movimenti "No Gender": chi sono, cosa fanno, cosa vogliono?

National Rifle Association, la potente lobby americana a favore delle armi

“Se il pastore ucciso avesse avuto una pistola tutto questo non sarebbe successo. Innocenti sono morti a causa della sua posizione su una questione politica”. Così Charles Cotton – uno dei leader della National Rifle Association (NRA), la più potente lobby americana a favore delle armi presieduta da David Keene – si è espresso a proposito della recente strage di Charleston (South Carolina), dove il ventunenne Dylann Storm Roof ha aperto il fuoco all’interno della Emmanuel African Methodist Episcopal Church, una delle storiche chiese afroamericane, uccidendo nove persone, fra le quali il pastore e senatore Clementa Pinckney. Dichiarazioni scioccanti e … Continua a leggere National Rifle Association, la potente lobby americana a favore delle armi

La #VoltaBuona della #ruspa: comunicazione politica 2.0

Da piccola per star fuori casa quanto più tempo possibile mi iscrivevo a qualunque tipo di associazione/circolo/centro. Intorno ai 15 anni mi ritrovai in mezzo ad alcuni amici “rossi” che mi portarono nella sede dell’allora Sinistra Giovanile, i “pulcini” dell’ex partito dei DS. I “grandi” non ci facevano partecipare in maniera attiva, non c’era quel passaggio del testimone che dovrebbe essere ovvio e utile per quell’entità sovrastante che era il PARTITO. Noi eravamo li perché così prevedeva lo statuto, la consuetudine e le belle parole. Però ho imparato alcune cose. Non mi facevano partecipare attivamente, ma potevo sempre osservare e ascoltare. E … Continua a leggere La #VoltaBuona della #ruspa: comunicazione politica 2.0

A Wilder Mind, a not so wilder album (Mumford and sons, 2015)

A tre anni di distanza dal celebre e meraviglioso Babel, Marcus Mumford (voce, chitarra e batteria), Winston Marshall (voce, chitarra resofonica e banjo), Ben Lovett (voce, organo e tastiera) e Ted Dwane (voce e contrabbasso) della band inglese Mumford and Sons hanno deciso di sparpagliare nell’etere il precedente calore di I will wait, la struggente dolcezza di Hopeless Wanderer e l’aroma di sole e legno riciclato di Little Lion Man e introdurci al sound, completamente diverso, di Wilder Mind.  I fili conduttori dei brani sono quelli della malinconia, del ricordo e, ovviamente, il tema amoroso. With a silver crystal on  … Continua a leggere A Wilder Mind, a not so wilder album (Mumford and sons, 2015)

World Refugee Day 2015 – Raccontiamoci l’umanità

Dante, Frederik Chopin, Albert Einstein, ma anche Milan Kundera, Isabel Allende, Marc Chagall, Rita Levi Montalcini, Pablo Neruda: cosa accomuna scrittori, musicisti, scienziati tanto da ritrovarli qui, uno dopo l’altro, nell’incipit di questo articolo? Basta spostare la polvere dalla superficie … Continua a leggere World Refugee Day 2015 – Raccontiamoci l’umanità

La zona grigia di Schengen

Ultimamente le relazioni tra Francia ed Italia si sono deteriorate per via degli eventi tanto tragici quanto delicati che si stanno consumando sul confine italo-francese. Sugli scogli di Ventimiglia, infatti, sono ammassati da diversi giorni centinaia di giovani per lo più somali ed eritrei che attendono l’apertura della frontiera per poter raggiungere la Francia. L’impasse ha avuto un’ampia eco mediatica perché questa non è la solita bagarre  sull’immigrazione, sulla tragicità dei barconi del Mediterraneo e sulle reazioni degli esponenti politici europei: Ventimiglia è diventata, suo malgrado, un caso di interpretazione degli accordi europei e di bilanciamento delle responsabilità degli stati … Continua a leggere La zona grigia di Schengen

Abortire nel 2015 in Irlanda: una storia di diritti violati

177.000: le donne che dal 1971 si sono recate in Inghilterra o in Galles per abortire.  3679: le donne che nel 2013 si sono recate all’estero per abortire. 1000-1500 Euro: il costo medio, in sterline, di un viaggio all’estero per abortire. 4000: la multa prevista, in sterline, per il personale medico che raccomanda un aborto o fornisce tutte le informazioni necessarie circa la procedura da seguire. 43: il numero dei paesi europei che consentono l’aborto quando richiesto o per una serie ampia di ragioni, con l’eccezione di Andorra, Irlanda, Malta, Polonia e San Marino. 24: i giorni in cui, nel … Continua a leggere Abortire nel 2015 in Irlanda: una storia di diritti violati

GGG – Garantisce Garanzia Giovani

Davanti agli scoraggianti dati Istat, alle parole di giornali e TV, fino alle proposte di riforme del Governo, noi di Pequod ci siamo posti la seguente domanda: cos’è veramente la Garanzia Giovani, di cui si sente tanto parlare, e cosa sta facendo di importante per noi? Ma, soprattutto, funziona? La Garanzia Giovani (Youth Guarantee) è un piano europeo che si propone di contrastare la disoccupazione giovanile nei paesi aderenti, il cui tasso supera il 25%: oltre all’Italia, ne fanno parte Austria, Belgio, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Spagna, … Continua a leggere GGG – Garantisce Garanzia Giovani