L’ultimo Presidente

“Mi accingo al mio secondo mandato, senza illusioni e tanto mento pretese di amplificazione salvifica delle mie funzioni. Manterrò tale carica fino a quando la situazione del Paese e delle istituzioni me lo suggerirà.” Con questo discorso Giorgio Napolitano si presentò alle Camere riunite il 22 aprile 2013, dopo la rielezione a Presidente della Repubblica per la seconda volta, successivamente ai tentativi falliti con Franco Marini e Romano Prodi. Fu un discorso programmatico del tutto sconosciuto alla Costituzione e alle democrazie parlamentari, tipico dei discorsi della Corona e dei capi delle repubbliche presidenziali, un discorso che lasciò il segno per … Continua a leggere L’ultimo Presidente

Un paese che non funziona

Se dovessi riassumere l’ultima settimana politica ad un amico che è stato su un’isola deserta, gli direi che ho una notizia buona e due cattive. Quella cattiva è che con il terzo premier non uscito come capo della coalizione vincente alle elezioni in due anni e mezzo il sistema di governo italiano può essere dichiarato ufficialmente inefficiente. Quella buona è che il nuovo premier è l’unico uomo con la credibilità e il polso per riformare questo sistema malato. La seconda cattiva però è che la manovra da Prima Repubblica che lo ha portato al Governo può essergli costata una buona … Continua a leggere Un paese che non funziona

Re Giorgio, l’incompreso

Fonte: ilquirinale.it Nella giornata di ieri il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano ha fatto visita al parlamento europeo a Bruxelles ed è stato accolto con gli onori che si possono riservare solamente ad una personalità politica che incarna i valori cardini del progetto d’integrazione e ne rappresenta un custode. In tale sede Napolitano ha pronunciato un discorso ricco di buon senso e saggezza, dai toni pacati ma, allo stesso tempo, dai termini chiari ed eloquenti. Ha rammentato di fronte agli europarlamentari come nelle prossime elezioni europee “verranno messi in discussione i valori stessi dell’Unione”. Ha auspicato una svolta per l’UE … Continua a leggere Re Giorgio, l’incompreso