La tragedia dell’ascolto – Riflessioni sulla ricezione della musica – Pt. II

LA TRAGEDIA DELL’ASCOLTO  Parte II – Galeotto fu il vinile Nella prima parte di questa specie di reportage dalla sala-da-concerto-italiana-media sono arrivato a incolpare noi musicisti della scarsa attenzione con cui spesso il pubblico segue gli spettacoli musicali. Non ritratto, ma aggiusto il tiro. Perché, come sempre, la verità (assieme alla virtus) sta in medio. E se la musica è un’arte, allora deve comunicare, e ogni comunicazione ha bisogno di due estremi: smascherate le colpe di chi la fa, è ora il momento di chi la ascolta. A questo proposito, il nostro Filippo Batisti mi consiglia un interessante articolo del … Continua a leggere La tragedia dell’ascolto – Riflessioni sulla ricezione della musica – Pt. II

La tragedia dell’ascolto – Riflessioni sulla ricezione della musica – Pt. I

LA TRAGEDIA DELL’ASCOLTO  Parte I – Le colpe degli interpreti ricadono sul pubblico Di ritorno da un concerto di musica classica nel teatro cittadino, qualche giorno fa, inizio a riflettere su cosa spinge centinaia di individui a imbottigliarsi periodicamente in una sala surriscaldata, costretti per interminabili decine di minuti a un’innaturale immobilità, privati della possibilità di vedere ciò che sta loro attorno, rinchiusi per una sorta di arcano rito misterico, tutti insieme con lo sguardo fisso a un largo altare sul quale, circonfusi di luce abbagliante, compunti sacerdoti con bizzarre vesti officiano una cerimonia tra le meno verbali ma allo … Continua a leggere La tragedia dell’ascolto – Riflessioni sulla ricezione della musica – Pt. I

Three Movements – Appendice: il debriefing tecnico-musicale

THREE MOVEMENTS, Appendice. Grazie alla preziosa condivisione dei saperi per tutt* ad opera del nostro Alessio Venier mi sono reso conto di aver parlato di cose che non conoscevo alla perfezione e che quindi era meglio ribeccarsi un secondo – operazione che tra l’altro sarebbe praticabile per ogni singola pagina scritta su questo blog o concepita nella sua intera vita da Beppe Severgnini.    Una delle versioni del pezzo Walkin’ with Jesus dei beneamati Spacemen 3 di cui vi ho parlato l’ultima volta ha una piccola ma interessante particolarità: non è né in La né in La#, ma qualcosa che … Continua a leggere Three Movements – Appendice: il debriefing tecnico-musicale

Three Movements, pt. 3 – La sospirata conclusione estetico-musicale

THREE MOVEMENTS, III – un viaggio che per motivi di ordine pubblico ho diviso in tre, ma che andrebbe letto nel modo più circoscritto possibile.   I discorsi della settimana passata mi hanno portato alla mente altre questioni sulle quali vorrò soffermarmi. Come si può fedelmente descrivere tramite le arti una persona (Zidane/Montaigne) o un oggetto (la Sainte-Victoire)? In che rapporto sono il tempo entro il quale questo ritratto, nel senso di descrizione, viene effettuato e lo spazio nel quale si colloca ciò che viene rappresentato? C’è un nesso fra la chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari e il boom di … Continua a leggere Three Movements, pt. 3 – La sospirata conclusione estetico-musicale