racial profiling

Il racial profiling ha già fallito, ma negli States è ancora la prassi

Negli Stati Uniti una persona di colore ha molte più probabilità di essere controllato, fermato o arrestato dalla polizia solo in virtù del colore della propria pelle. Si tratta di una pratica, il racial profiling, che esiste anche in Europa, e ha già dimostrato il suo fallimento in termini di sicurezza. Continua a leggere Il racial profiling ha già fallito, ma negli States è ancora la prassi

sudafrica proteste giovani

Sudafrica, gli studenti “coloured” in piazza per poter studiare

Il 5 dicembre del 2013 moriva, a Johannesburg, Nelson Mandela. Dopo più di vent’anni dalla fine dell’apartheid, nelle università in Sudafrica rimangono ancora disparità, disuguaglianze e razzismo. Un condizione, apparentemente, immutabile che ha spinto molti giovani di colore a scagliarsi contro il sistema, aprendo la stagione delle grandi contestazioni Continua a leggere Sudafrica, gli studenti “coloured” in piazza per poter studiare

Diritto di manifestare e repressione poliziesca: cronaca di un arresto di massa nel cuore della California

Le prime proteste sono scoppiate alcune settimane fa in seguito alla decisione di non avviare un processo giudiziario nei confronti degli agenti coinvolti nell’uccisione di Michael Brown e Eric Garner. Le ultime parole pronunciate da quest’ultimo sono diventate uno degli slogan più popolari e significativi di queste manifestazioni: una ripresa amatoriale mostra Eric Garner, a mani alzate, rantolare “I can’t breathe” per undici volte, prima … Continua a leggere Diritto di manifestare e repressione poliziesca: cronaca di un arresto di massa nel cuore della California

Sochi o non Sochi: il dilemma olimpico tra universalità e discriminazione

Non sono molti gli appuntamenti che possono raccogliere l’attenzione della maggiore parte della popolazione globale, ma in questa sparuta cerchia la parte del leone la fanno sicuramente le Olimpiadi: evento sportivo per eccellenza, ma al contempo media events e ghiotta occasione per i Paesi ospitanti di “photoshoppare” la propria immagine internazionale traendone lustro ed ammirazione. Tuttavia capita che il programma si inceppi e, se Londra … Continua a leggere Sochi o non Sochi: il dilemma olimpico tra universalità e discriminazione

Omofobia: in Europa tutti predicano bene, ma chi razzola male?

Con l’inserimento di un riferimento alla Carta di Nizza all’interno del Trattato di Lisbona, l‘Unione Europea è stata la prima istituzione sovranazionale ad inserire una nuova qualificazione agli individui affinché non vi sia alcuna forma di discriminazione e in tutela dell’eguaglianza sostanziale di tutti gli esseri umani, l’articolo 21 recita infatti: “È vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il … Continua a leggere Omofobia: in Europa tutti predicano bene, ma chi razzola male?