statua comfort women seuol

Le prostitute dell’esercito giapponese: il dramma delle “comfort women” che da 70 anni divide Tokyo e Seoul

Migliaia di donne e bambine coreane sono state rapite per essere sfruttate come “comfort women” per l’esercito giapponese durante la Seconda Guerra Mondiale. Ancora oggi non c’è giustizia. Continua a leggere Le prostitute dell’esercito giapponese: il dramma delle “comfort women” che da 70 anni divide Tokyo e Seoul

“Up the Hills; Down the Valley”: le Guerriere con l’HIV

Poche malattie al mondo subiscono ancora uno stigma forte come l’AIDS, nonostante gli enormi progressi compiuti nel campo della medicina nei trattamenti per tenerla sotto controllo, impedirne il contagio e forse, in futuro, addirittura guarire completamente. I farmaci antiretrovirali permettono ad oggi di bloccare gli effetti degenerativi della malattia e arrivano fino a bloccare il temuto contagio materno-fetale, permettendo così anche a madri sieropositive di … Continua a leggere “Up the Hills; Down the Valley”: le Guerriere con l’HIV

Chi ha reso il mondo migliore nel 2016?

Nice Nailantei Leng’ete che si oppone alle mutilazioni genitali femminili in Kenya, le volontarie di Velacruz a sostengo dei migranti in Messico, le squadre di soccorso del Mediterraeo, le associazioni irlandesi che aiutano le donne ad abortire, tutte le donne del mondo unite nel grido “Ni una menos!”: le persone e le storie che ci mostrano che il 2016 non è stato poi così male. Continua a leggere Chi ha reso il mondo migliore nel 2016?

Tunisia: sulla strada della democrazia?

Lo scorso 26 Agosto, il parlamento tunisino ha approvato il nuovo governo di unità nazionale proposto da Youssef Chahed. Il nuovo governo ha continuato il processo di democratizzazione delle istituzioni governative e di riforma del paese, concentrandosi su un maggiore sviluppo economico, per sanare i tumulti interni ed aumentare il tasso di occupazione, e sulla lotta al terrorismo, nel tentativo di rivitalizzare la risorsa principale … Continua a leggere Tunisia: sulla strada della democrazia?