Il terrorismo islamista dopo l’11 settembre

Era un martedì di settembre. Il mondo intero aveva gli occhi incollati al televisore che mostrava immagini terrificanti: una delle torri gemelle del World Trade Center di New York era stata colpita in pieno da un aereo di grandi dimensioni. Probabilmente un errore umano o forse l’atto estremo di uno squilibrato. Dopo 16 minuti un secondo aereo, in diretta tv, si schiantava sull’altra torre. Non … Continua a leggere Il terrorismo islamista dopo l’11 settembre

I rischi del terrore 2.0

Paris, Place de la Republique, “Je suis Charlie”. Di quello che è successo in questi giorni a Parigi, dall’attacco alla redazione del settimanale satirico “Charlie Hebdo” al cruento epilogo dell’assalto al supermercato kosher di Porte de Vincennes, si potrebbe parlare per giorni, settimane, mesi. Si può riflettere sul rapporto tra la violenza verbale e la violenza fisica, sui rischi che corre la nostra società in … Continua a leggere I rischi del terrore 2.0

L’Afghanistan dopo Karzai

Il 22 settembre scorso l’Afghanistan ha finalmente potuto indicare come nuovo Presidente della Repubblica Ashraf Ghani. Finalmente perché era da quasi dieci anni che Hamid Karzai ricopriva tale ruolo (senza contare il periodo in cui era stato nominato Presidente “facente funzioni” tra il 2001 e il 2004, subito dopo l’invasione statunitense) e finalmente anche perché il processo elettorale che ha portato a questa nomina è durato … Continua a leggere L’Afghanistan dopo Karzai

La grande occasione del cavaliere riluttante

Questo articolo si intitola “La grande occasione” ma avrebbe potuto chiamarsi anche “La grande scusante” o “La grande paura”.Occasioni sacrificate da una visione politica che appare il più delle volte stentata, prigioniera di vecchie logiche, alle quali ci si aggrappa ancora oggi disperatamente, senza rendersi conto dell’incalcolabile danno che viene prodotto, della frustrazione che aumenta, della delusione montante. Chi avrebbe potuto replicare coi fatti alle … Continua a leggere La grande occasione del cavaliere riluttante

Uno spettro si aggira per la Siria… anzi due! (pt. 2)

L’Iraq non ha mai avuto una storia facile alle sue spalle né un cammino agevole di fronte a sé: paese ricchissimo di risorse ma, come per molti altri territori nati dalla spartizione coloniale del XX secolo, privo di un’idea di nazione e tantomeno di una storia comune che fungesse da collante alle diverse anime presenti nell’area e artificialmente affratellate dentro confini tracciati col righello: curdi … Continua a leggere Uno spettro si aggira per la Siria… anzi due! (pt. 2)

La questione siriana: the equilibri internazionali e spettri del passato

La guerra civile siriana sta diventando sempre di più una questione spinosa dalla quale non si riesce a trovare una via d’uscita. All’inizio il conflitto sembrava muoversi su due precisi fronti in guerra: le truppe lealiste e fedeli al presidente Bashar al- Assad contro l’esercito libero siriano, coordinato dal Consiglio nazionale siriano. A due anni dall’inizio della rivolta (marzo 2011) ci si è accorti ormai … Continua a leggere La questione siriana: the equilibri internazionali e spettri del passato